Conferenza del volontariato sociale CVS

Ritorna

Condividi 

Ho iniziato a svolgere delle attività di volontariato con l’associazione ATGABBES, come monitrice della colonia Salame al Cioccolato. Già da tempo ero interessata a far parte di una colonia, perché mi piace l’idea di preparare e svolgere delle attività insieme ad altre persone, con lo scopo di portare allegria ma anche con lo scopo di migliorare l’accettazione della “diversità”, caratteristica che appartiene ad ognuno di noi.

 

Ho iniziato a far parte della colonia Salame al Cioccolato, perché ho saputo che cercavano nuovi monitori e dunque ho colto l’occasione nonostante non conoscessi nessuno dei componenti. Iniziare da sola quest’esperienza mi spaventava un po’, ma si è rivelata una bellissima occasione per conoscere nuove persone davvero fantastiche!

 

La nostra colonia è un gruppo  molto eterogeneo, composto da ospiti maggiorenni che presentano un handicap e da bambini. La forza di questo gruppo è proprio l’integrazione a 360°, che ci spinge ad imparare ad apprezzare ogni componente nella sua unicità. Durante l’anno svolgiamo delle attività come andare in piscina, andare a teatro, ecc., attività che ci permettono di mantenere un legame tra bambini, ospiti e monitori. Verso maggio organizziamo un week-end in montagna per preparaci al meglio alle due settimane che, a fine luglio, trascorreremo tutti assieme. Durante questi soggiorni, cerchiamo di proporre delle attività che possano coinvolgere tutti i presenti, valorizzando i punti forti di ognuno e puntando sull’importanza di “unire le forze”.

 

Fare colonia, secondo me, è un’ esperienza arricchente, in primis perché impariamo a “dare” con amore e a “fare” con gioia, senza l'obiettivo di ottenere qualcosa in cambio. Secondariamente, fare colonia ci insegna che i risultati migliori si ottengono unendo le idee di ogni partecipante, che sia un bambino, un ospite o un monitore. Non ci sono idee sbagliate, anzi la fantasia e la creatività sono al centro di ogni attività! Impariamo quindi l'importanza di ascoltare gli altri, di rimetterci in discussione e di collaborare.  Per ultimo,  ma non per importanza, la colonia è un esperienza che ci permette di staccare dalle abitudini della vita quotidiana, che siano tecnologiche, lavorative, scolastiche, ... Si crea una piccola realtà dove abbiamo l'occasione di dare la priorità alle relazioni, di prenderci il tempo per condividere dei momenti insieme.

Clarissa, volontaria Atgabbes